Entro le ore 12:00 del 23 ottobre 2020 è possibile presentare la domanda per il riconoscimento del credito di imposta riconosciuto agli esercenti attività commerciali che operano nella vendita al dettaglio di libri, esclusivamente mediante il portale

taxcredit.librari.beniculturali.it/sportello-domande/

Il credito d’imposta, già previsto dall’art. 1, comma 319, L. n. 205/2017, è riconosciuto agli esercenti di attività commerciali che operano nel settore della vendita al dettaglio di libri in esercizi specializzati con codice Ateco principale 47.61 o 47.79.1.

Il credito d’imposta, da utilizzare solo in compensazione con modello F24, è stabilito nella misura massima di 20.000 euro per gli esercenti di librerie che non risultano ricomprese in gruppi editoriali dagli stessi direttamente gestite e di 10.000 euro per gli altri esercenti.
Tale credito è parametrato:

·         agli importi pagati a titolo di IMU e TARI con riferimento ai locali dove si svolge la medesima attività di vendita di libri al dettaglio, nonché

·         al le eventuali spese di locazione o ad altre spese individuate con decreto.

Si segnala inoltre che  gli utenti che hanno presentato istanza o effettuato l’accesso al portale nell’anno precedente, devono comunque effettuare una nuova registrazione a partire dalla data suindicata.

Per ogni dettaglio è possibile consultare la guida alla compilazione della domanda.

Per ogni ulteriore chiarimento vi invitiamo a contattare lo Studio: infostudio@ragmauroschiavinato.eu

Rag. Mauro Schiavinato © 2020 Riproduzione riservata

Pronto a chiamarci?

Per sottoporci un caso societario, avere delucidazioni su come lavoriamo o solo per informazioni.

Contattaci