Il bonus facciate 2022 è una detrazione per gli interventi finalizzati al recupero o restauro della facciata esterna degli edifici esistenti, che si trovano nelle zone A e B, individuate dal decreto ministeriale n. 1444/1968, o in zone a queste assimilabili in base alla normativa regionale e ai regolamenti edilizi comunali, di qualsiasi categoria catastale, compresi gli immobili strumentali.

Comprende tutti gli interventi effettuati:

  • sulle strutture opache della facciata,
  • su balconi o su ornamenti e fregi, compresi quelli di sola pulitura o tinteggiatura esterna.

Per gli interventi effettuati sulle facciate interne dell’edificio, se non visibili dalla strada o da suolo ad uso pubblico il bonus non spetta.

Il bonus facciate 2022 spetta a tutti i contribuenti, residenti e non residenti nel territorio dello Stato, soggetti Irpef e soggetti passivi Ires, che possiedono a qualsiasi titolo l’immobile oggetto di intervento.

In particolare, sono ammessi all’agevolazione:

  • le persone fisiche, compresi gli esercenti arti e professioni
  • gli enti pubblici e privati che non svolgono attività commerciale
  • le società semplici
  • le associazioni tra professionisti
  • i contribuenti che conseguono reddito d’impresa (persone fisiche, società di persone, società di capitali).

La detrazione non spetta a chi possiede esclusivamente redditi assoggettati a tassazione separata o a imposta sostitutiva.

Con l’entrata in vigore della Legge n. 234/2021, l’art. 1 comma 39, viene riconosciuto un credito d’imposta nella misura del 60% (anziché del 90%) per le spese sostenute nel 2022.

Per ogni ulteriore chiarimento vi invitiamo a contattare lo Studio: infostudio@ragmauroschiavinato.eu

Rag. Mauro Schiavinato © 2022 Riproduzione riservata

Condividi questo articolo, scegli la piattaforma!

Want to find out more?

To submit a case, learn more about our work or for further information.

Contact us